come una stella alpina

Mi ostino a credere che io possa fare a meno di te.
Cerco di pensare a quello che non mi piace di te sperando che possa in qualche modo farmi dimenticare quello che invece amo.
Ma non accade mai niente.
E invece di elencare i tuoi difetti ricordo solo come mi sento quando sono con te, come mi fa sentire il tuo amore, cosa hai fatto per me, quanto mi hai portata dentro di te. Per anni e anni … senza mai dimenticare.
 
Ma vorrei tanto che a volte fossi tu ad impazzire come me di smanie e desideri. Vorrei che il tuo corpo iniziasse a bruciare come il mio al punto da chiederti … ‘vieni da me … ti prego’ … come ho fatto ieri con te io.
 
… non riesco a smettere di pensare al momento in cui ho alzato lo sguardo e tu eri davanti a me …
 
 … avevo passeggiato un po’, letto la stessa riga del libro che avevo con me 100 volte, guardato le persone che correvano e altri amanti che si baciavano, ascoltato musica … per quasi un ora e mezza … guardando spesso, troppo spesso, l’orologio e chiedendomi perchè quando vuoi che il tempo corra è invece lentissimo … e cosciente che da quando saresti arrivato, le lancette avrebbero iniziato ad andare ad una velocità stratosferica … ma ero anche intimorita che tu all’ultimo non potessi venire … non avrei retto …
 
E’ stato bello alzare lo sguardo e trovarti lì … ed è stato bello anche non dire assolutamente nulla per quel minuto … e semplicemente baciarsi … senza fretta, senza frenesia.
 
Ti ho baciato prima il collo. Mi sono persa dentro al tuo profumo, all’improvviso tornato familiare. Ho lasciato che le mie labbra ti accarezzassero il viso mentre tu mi abbracciavi forte; ti ho percorso il viso fino alle labbra dove finalmente si sono fermate e hanno cercato di placare il desiderio di mesi.
 
Piccoli baci poi diventati uno solo. Bello. intenso, emozionante ed indimenticabile.
 
Ritrovare il tuo sapore, il tuo respiro, il tuo amore che a volte non comprendo … ma del quale ho così bisogno.
 
Sentivo il peso del casco che tenevi tra le mani attraverso le tue braccia … ed ho pensato che chi ci avesse visto da fuori forse avrebbe sorriso guardando quanto fosse stretto il nostro abbraccio.
 
Ieri a quest’ora ero lì ad aspettarti … ma ieri è già finito … è passato …
ed è un altro ricordo … uno di quelli che si aggiungerà agli altri …
sbiadendosi un pochino con il tempo anche se ora mi sembra più vivo che mai …
 
Un altro bellissimo e paradossale ricordo … perchè è bello da rivivere … ma che fa anche molto male perchè ciò che rappresenta è raro … come una stella alpina nella neve …
 
Ma tu hai compreso, dai miei baci, dal mio corpo, dai miei occhi, dalle mie parole quanto ti ho desiderato? 
 
Vorrei domandarti come fai ad amarmi così tanto e a non volere fare l’amore con me, così disperatamente, da fare qualunque cosa pur di realizzarlo.
 
Quanto vorrei che tu me lo chiedessi … quanto vorrei che per una volta tu facessi qualcosa di assurdamente folle …
 
Ti voglio …  e tu perchè non vuoi me al punto da superare tutti gli ostacoli che ci sono per fare l’amore?
 
 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...